Via A. Gozzini n.8 – 56121 Ospedaletto (Pi)
050 981 192

Assofly

Progetti

Natale senza Barriere

By No Comments

PREMESSA:

L’Associazione ASSOFLY ONLUS fondata e costituita nell’anno 2004, da un gruppo si ex Piloti, si propone come obiettivo la valorizzazione dei diritti dell’essere umano agevolando, assistendo e sostenendo chi ha difficoltà motorie, e quindi, disagio nell’affrontare le innumerevoli barriere, da quelle fisiche a quelle socio/culturali, presenti nel nostro paese.

STATISTICHE:

In Italia, circa il 7% della popolazione è disabile (fonte Eurostat 2009) , e questa cifra sta aumentando progressivamente ed inesorabilmente con l’invecchiamento della popolazione.

La firma della Convenzone Onu e la ratifica da parte del Parlamento con legge 3 marzo 2009, n. 18 ha sancito il riconoscimento planetario dei diritti delle persone con esigenze particolari, riconosciuti come cittadini aventi il pieno diritto all’autonomia e doveri conseguenti al loro status di cittadini attivi

INFORMAZIONI SUI DIRITTI DELL’ESSERE UMANO:

Convenzione ONU Articolo 5 – Uguaglianza e non discriminazione

1. Gli Stati Parti riconoscono che tutte le persone sono uguali dinanzi alla legge ed hanno diritto, senza alcuna discriminazione, a uguale protezione e uguale beneficio dalla legge.

2. Gli Stati Parti devono vietare ogni forma di discriminazione fondata sulla disabilità e garantire alle persone con disabilità uguale ed effettiva protezione giuridica contro ogni discriminazione qualunque ne sia il fondamento.

3. Al fine di promuovere l’uguaglianza ed eliminare le discriminazioni, gli Stati Parti adottano tutti i provvedimenti appropriati, per garantire che siano forniti accomodamenti ragionevoli.

4. Le misure specifiche che sono necessarie ad accelerare o conseguire de facto l’uguaglianza delle persone con disabilità non costituiscono una discriminazione ai sensi della presente Convenzione.

5. Accessibilità a strutture pubbliche e private aperte al pubblico

L’accesso a strutture pubbliche (musei, sedi di spettacoli, aree espositive) è garantito alle persone con disabilità: l’abbattimento delle barriere architettoniche o la realizzazione di edifici pubblici o privati aperti al pubblico deve essere realizzata in occasione, oltrechè di nuove edificazioni, di ristrutturazione o, in casi specifici, di manutenzione straordinaria.

Precisato che per “barriere architettoniche” si intende genericamente qualunque impedimento fisico per la vita sociale e personale, e che tale termine connota tanto ipotesi di ostacoli che in concreto esistano, quanto ipotesi in cui è, viceversa proprio la

mancanza di qualcosa a costituire una barriera architettonica, si precisa altresì che la nozione di edifici aperti al pubblico comprende tutti quegli ambienti spazi o edifici privati

dove si svolga un’attività professionalmente organizzata a scopo di lucro, diretta allo scambio ed alla produzione di servizi, quali, ad esempio, teatri, cinematografi, club privati, alberghi, ristoranti, centri commerciali, negozi, bar ed altri. Secondo la Corte Costituzionale (9 aprile 1970 n 56) un locale deve considerarsi pubblico quando si accerti che in esso si svolge attività professionalmente organizzata a scopo di lucro diretta allo scambio e/o alla produzione di beni e servizi. La Cassazione ha attribuito il carattere pubblico ai locali che prevedano il pagamento di un biglietto d’ingresso, il rilascio di tessere associative a chiunque acquisti il biglietto, a quelli che pubblicizzino la propria attività o che abbiano una struttura tale da rendere evidente lo svolgimento di un’attività imprenditoriale: nonché a quelli che consentano l’ingresso ad un rilevante numero di persone.

LE MOTIVAZIONI DEL PROGETTO:

Prendendo spunto dalle precedenti statistiche ma soprattutto in virtù dei continui e numerosi reclami denunciati dalle persone diversamente abili, a poter accedere in determinate strutture, ci siamo mobilitati a poter creare un piano di lavoro atto a facilitare l’accesso nelle cosidette aree commerciali.

Tale progetto si propone, di mettere a disposizione personale qualificato, adibito all’accoglienza, all’ assistenza ed al trasporto, per chi non è completamente autonomo.

OGGETTO:
Nasce così “NATALE SENZA BARRIERE TIPO DI SERVIZIO:

  • Consulenza delle arree Commerciali accessibili
  • Trasporto delle suddette persone (PRM), dall’abitazione ai luoghi Commerciali di riferimento
  • Accompagnamento e assistenza per facilitare gli acqusti, mediante personale volontario
  • Accompagnamento, della persona, dai luoghi di acquisto alla propria abitazione.